Ruggiero Di Biase sul Dominio Cibernetico

03/05/2019

Ruggiero Di Biase sul Dominio Cibernetico

III Seminario Italian Open Lab [08]

Al terzo appuntamento del seminario di Italian Open Lab sul dominio cibernetico Ruggiero Di Biase non ha dubbi sul fatto che c’è bisogno di attività testing e validation a livello hardware e firmware.

L’Ammiraglio di Squadra lo dice chiaro e tondo che non ci sono abbastanza centri di valutazione che svolgano questo lavoro.

“In Italia abbiamo centri di valutazione competenti, ma purtroppo sono ancora pochi. Nel mondo classificato siamo bravi, perché testiamo i prodotti, ne verifichiamo la robustezza e li omologhiamo. Ma nel mondo non classificato ciò non avviene e pensare che in questo settore i big data riescono a darci un trend di informazione molto sensibile”.

Da qui allora l’invito rivolto da Ruggiero Di Biase, nel primo dei suoi due interventi al seminario organizzato dal Ministero della Difesa, alle società.

L’invito è lo stesso che l’ammiraglio di Squadra ha ricordato anche nel corso della sua partecipazione agli altri seminari organizzati dal sottosegretario Angelo Tofalo.

In più occasioni l’ammiraglio di Biase, che guida il gruppo di Progetto C5ISR , ha consigliato alle grandi industrie, uniche a detenere un know how riconosciuto ufficialmente, di approfittare della tecnologia di nicchia che possiedono le Pmi.

Ruggiero Di Biase è sempre più convinto, come ha spesso ribadito, che:

“Le piccole e medie imprese possono costituire un valore aggiunto per la grande industria e far sì che il Paese possa esprimersi al meglio e diventare veramente competitivo nel contesto internazionale”.

Per sollecitare questa sinergia è necessario però mettere in atto anche una nuova politica industriale soprattutto nei settori strategici della Difesa, come sono lo spazio e la cyber security.

Guarda qui gli interventi di Di Biase al secondo seminario di Italian Open Lab sul dominio spaziale quando ha preso la parola per ben tre volte, puntando sempre l’attenzione sulla garanzia statale del sostegno alle piccole e medie imprese.