Paolo Solferino sul Dominio Spaziale

16/04/2019

Paolo Solferino sul Dominio Spaziale

II Seminario Italian Open Lab [23]

Il lancio di qualunque satellite nello spazio deve essere sempre legato alla robustezza della struttura di terra da cui il lancio viene effettuato: lo spiega al secondo seminario Italian Open Lab sul dominio spaziale Paolo Solferino, amministratore delegato e direttore generale di Vitrociset, un’azienda specializzata in operazioni di terra che opera con Vega e Telespazio.

“Facciamo servizi, ma non solo manpower. Creiamo soluzioni nuove che ne consentano l’utilizzo dei servizi che rendiamo. E più la tecnologia è all’avanguardia più i servizi sono efficienti. La tecnologia infatti è importante nella parte satellitare”.

Ecco perché si continuano ad investire circa 15 miliardi all’anno nella piattaforma ideata dal professore Broglio ed ecco perché Vitrociset è presente in Guyana francese per offrire servizi di personale e tecnologia, ma anche impianti di terra e gestione della traiettografia.

“Il problema della riduzione dei costi è sempre all’attenzione di tutti, bisogna pensare però anche alla maggiore efficienza e oggi c’è questa possibilità. Ci sono satelliti leggeri come un cubo, ne produciamo uno a settimana e abbiamo la capacità di lanciarli”.

Il settore dei lanci è fondamentale nel mondo spazio, perché l’accesso allo spazio è il vero canale per essere competitivi, eppure per essere ben inseriti in un contesto europeo è necessario essere forti a casa propria e proporre la propria tecnologia all’estero.

“Per i lanci sta facendo già bene Vega, noi puntiamo alle strutture di terra, ma siamo forti anche sulla assemetria (?) perché riusciamo a gestire tutte le informazioni provenienti dai satelliti in qualunque posizione essi si trovino”.

Viene da sé che un servizio efficiente si basa sulla tecnologia e oggi si mira sempre di più allo sviluppo della gestione dei dati e l’interdipendenza tra i costi di lancio e la struttura di terra significa rendere anche più sicuri i dati.

“Questa tecnologia è mutuata dal settore Difesa perché una grossa parte di queste tecnologie, come Big Data, IOT e cyber security, vengono sviluppate nel Poligono interforze di Salto di Quirra in Sardegna.

, ,